Il Campione ritorna dall’Olanda - Border Studio
16253
post-template-default,single,single-post,postid-16253,single-format-standard,qode-listing-1.0,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-16.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Il Campione ritorna dall’Olanda

Bikes, Bets and Wine

Il Campione ritorna dall’Olanda

Bikes, Bets and Wine

Border Studio torna dall’HFM – Holland Film Meeting e conferma le tre regole dei mercati di coproduzione enunciate da Alessandro Gropplero del Fondo per l’Audiovisivo del Friuli Venezia Giulia:

  • Additional money – Sometimes
  • Some new friends – Most of the time

Abbiamo presentato IL CAMPIONE a professionisti del settore del nord Europa.
La storia di Giuseppe e Paolo Ottaviani è piaciuta, e non poteva essere altrimenti, ma il plauso più grande è andato ai temi e alla via che abbiamo scelto per raccontarli, alla fotografia e alla potenzialità espressiva del materiale.

Quello che mi rimane più impresso sono i sorrisi che appaiono sui visi delle persone che sentono e vedono Peppe, la comprensione dei dettagli e l’entusiasmo che la storia suscita.
E’ stata una grande emozione sentirsi parte di una sorta di nuovo cinema europeo e conoscere persone che condividono con noi la passione e le difficoltà di questo lavoro.

5 punti in ordine sparso:

  • Vanja Kaludjercic, che si è presa cura di noi che ha creduto nel progetto inserendolo come unico documentario nella sezione Work in progress, dando a “Il Campione” nuove prospettive e possibilità.
  • Con il produttore irlandese John Wallace abbiamo deciso di girare un film Sci-Fi sulle biciclette olandesi.
  • La scommessa intercorsa tra Mark Lwoff produttore finlandese ed il regista serbo Mladen Djordjevic a proposito della prima ed ultima battuta di The Wild Bunch. Vinta da Djordjevic per 10 birre.
  • Parlare di vino con Sasha Wieser in un brindisi dal sapore Mitteleuropeo.
  • L’incontro con il regista Islandese Marteinn Thorsson che si è trasformato immediatamente in un forte legame che siamo sicuri porterà a future collaborazioni.

Abbiamo imparato molto, parlato ed ascoltato, condiviso suggerimenti e pensieri, godendoci il momento senza l’ansia di dover conseguire qualcosa nell’immediato.
Non si ha la certezza che a seguire dei tanti incontri si raggiungano accordi o si riesca a trovare fondi o collaborazioni. Certa è la sensazione che conoscendo meglio le possibilità ed i mercati, ampliando gli orizzonti e le relazioni i progetti futuri avranno maggiori possibilità di sviluppo.
Un po’ come Giuseppe che pur conoscendo in anticipo la fine della storia non smette di lottare, perchè ne vale sempre la pena.

La terza regola?

  • Lots of drinks – Always

e se siete in Olanda…

  • Warning the bikes!